Visioni periferiche | Mostra di disegni di Pierre Cavallari

20 Novembre 2023 - 2 minutes read

Pierre David Cavallari, artista e architetto classe 1969, con “Visioni Periferiche” riporta in auge la tecnica dell’acquerello per creare paesaggi di Roma totalmente distanti dalle classiche vedute, dove la realtà urbana sveste i panni di un paesaggio anonimo che fa da sfondo alla vita dell’uomo e diventa protagonista.
Ecco che allora le opere in mostra ci raccontano di periferie sempre troppo lontane dal centro, di angoli nascosti e dimenticati, di intrecci di strade e di selve di antenne sui palazzi, tutti sapientemente resi con un tratto veloce ed espressivo e un uso del colore che alterna toni freddi e caldi.
L’artista, attraverso i suoi lavori, accompagna l’occhio dello spettatore a soffermarsi su ogni minimo dettaglio realizzato per rendere al meglio il​ racconto polifonico della città fatto di immagini e non di parole. L’assenza di personaggi umani, quindi, porta l’osservatore a focalizzare la propria attenzione sui numerosi particolari favorendo così un’immedesimazione di se stesso nei luoghi rappresentati e riconosciuti.
Scorci deserti che sembrano abitati solo da luce e suoni ma intrisi di umanità, rievocano atmosfere metafisiche. Il mondo delle cose e le architetture fanno emergere la poesia laddove sembra essere praticamente assente ribaltando così la prospettiva di un osservatore distratto che connota, la maggior parte delle volte, questi luoghi come desolati. Nelle sue opere, quindi, i luoghi si trasformano in uno spazio dove è possibile trovare la bellezza e dar vita ad una personale e rivoluzionaria visione artistica.