Il piano sequenza: conversazione e proiezione film

23 febbraio 2018 - 2 minutes read

11 marzo ore 17:30

Arriva il secondo appuntamento con il cinema di Sinestetica: riprende infatti la rassegna Cinestetica, curata da Mario Savina, studioso di cinema e sceneggiatore.
Lo scopo della mini rassegna è quello di coinvolgere un pubblico di appassionati e curiosi, in un percorso d’indagine all’interno dello sconfinato universo filmico. Un’occasione per capire meglio le regole del cinema e scoprire alcuni segreti degli autori che l’hanno reso grande.
Gli incontri hanno un approccio divulgativo e non strettamente tecnico, per permettere a tutti di capire, con semplici strumenti, aspetti apparentemente complessi dell’industria cinematografica.
Una breve introduzione iniziale, lascia spazio alle immagini del film scelto per approfondire, di volta in volta, il diverso tema del giorno e stuzzicare ulteriori curiosità e domande.

IL PIANO SEQUENZA – STORIA BREVE DI UN’ UTOPIA

Il secondo incontro, che avrà luogo domenica 11 marzo alle 17.30, affronterà un aspetto tecnico-artistico del cinema: il piano sequenza. Cos’è? Perché viene usato? Quali sono le difficoltà tecniche e quali gli esempi più riusciti? Da Nodo alla Gola di Hitchcock fino a Birdman d’Inarritu, passando per Arca Russa di Sokurov, perché diversi autori hanno spinto il concetto fino all’estremo, concependo un intero film come un unico piano sequenza? La risposta va forse ricercata all’interno del rapporto tra cinema e realtà, che attraversa due secoli e coinvolge le riflessioni di cineasti di ogni epoca e nazionalità.

Durante la conversazione (e durante la proiezione, per i più viziosi) il bancone di Sinestetica sarà aperto e disponibile a ogni richiesta.