“Immaginare molto”, collage digitali di arte e fotografia di Ludovica Aringhieri

24 Ottobre 2023 - 3 minutes read

“Immaginare molto”, mostra personale di Ludovica Aringhieri;
dal 27 ottobre al 18 novembre 2023;
inaugurazione venerdì 27 ottobre 2023, ore 19.

Il progetto Immaginare Molto nasce nel 2020, durante il lockdown: è in questo lasso di tempo, forzato e vuoto, che Ludovica Aringhieri inizia a creare dei collage digitali per evadere dalla realtà.
Evasione intesa non tanto come un fuggire, ma piuttosto come uno “s-fuggire”.
Sfuggire da una realtà conosciuta, immaginando nuovi (im)possibili scenari della stessa.

“Mi piace pensare che con queste immagini io riesca a trasportare le persone che le osservano in un mondo immaginario e immaginato, fatto di arte e fotografia, per un momento di leggerezza e spensieratezza. Credo fortemente che la bellezza generi bellezza
e che sognare ad occhi aperti stimoli la creatività e la fantasia”, afferma l’artista.

Ogni collage ha come base una fotografia che Ludovica Aringhieri ha scattato durante uno dei suoi molteplici viaggi in Italia o in giro per il mondo. La rielaborazione di queste fotografie, che rappresentano attimi di preziose scoperte e sono, esse stesse, fonte di ispirazione, permette all’artista di rivivere momenti del passato, con occhi nuovi.
Immaginare nuove possibilità e guardare oltre, da prospettive differenti, è un processo creativo che riempie l’anima e infonde fiducia, perché permette di avere un punto di vista nuovo di uno stesso scenario.

Dedicato a tutti gli eterni sognatori e a tutte le instancabili sognatrici, Immaginare Molto è, dunque, un progetto artistico in continua evoluzione.

Nata a Pisa l’11 marzo 1993, Ludovica Aringhieri studia Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze, dove si laurea con lode nel 2019, e dove conclude, a marzo 2023, anche un Master in allestimento museale e museografia.
Originaria di Ponsacco (PI), la sua curiosità per i diversi approcci all’architettura l’ha portata a fare diverse esperienze di studio e di lavoro in Italia e all’estero, tra Siviglia, Firenze e Barcellona. Nell’ultimo anno ha vissuto per un breve periodo a Roma per fare un’esperienza in campo museale presso la Galleria Borghese.
Oltre all’architettura, grande passione da sempre, è un’amante dell’arte in tutte le sue forme e sfumature ed è per questo che durante il periodo di pandemia inizia a realizzare dei collage digitali che uniscono le fotografie da lei scattate durante i molteplici viaggi a opere d’arte note; un modo originale per evadere dalla realtà per un momento di spensieratezza.